notizie dall'arcipelago - foglio informativo
www.lecinqueisole.it - Articoli d'approfondimento
La storia delle Tremiti, raccontata nei testi del prof. Pio Fumo News dalle isole Tremiti. Come arrivare - orari traghetti, porti d'imbarco. Da non perdere - visita su San Nicola, giri dell'isola, noleggio gommoni, acqua taxi per le cale più belle. Informazioni su hotel, alberghi, camere e bed & breakfast alle isole Tremiti. Ristoranti, pizzerie, cucina tipica. Informazioni, link e numeri utili. home
Notizie - opera di Nicola Di Pardo
Regolamentazione della riserva marina delle Tremiti Archivio del foglio informativo "Notizie dall'Arcipelago". Mappa delle Isole Tremiti Previsioni meteo della settimana Musica, pittura, arte in genere, alle Isole Tremiti Galleria fotografica tremitese, inviaci le tue foto e verranno pubblicate.
   
  -Articoli-
 
MAR ADRIATICO: POZZO SENZA FONDO
di Staniscia Pio Luigi
13/04/11

Nelle ultime ore le notizie sui giornali si susseguono in modo vorticoso, creando una gran confusione nella testa dei cittadini. Trivellazioni? Permessi di ricerca? Prospezioni? Cosa sono questi sconosciuti?

Per fare un po’ di ordine dovremmo partire dall’inizio, o meglio dalla fine. Dall’ultima istanza di permesso di ricerca petrolifera la d 505 br-el, una fascia d’area di più di 700 km2 distante, nel punto più vicino, circa 26 km dalle nostre isole: Le Isole Tremiti, riserva marina dal 1989 facente parte del Parco Nazionale del Gargano.

Il 29 Marzo di questo anno è stato dato il parere Vecchia mappa della Petrocelticfavorevole alla valutazione d’impatto ambientale da parte del ministero dell’ambiente per l’istanza di ricerca su citata. Tale notizia nell’immaginario collettivo è naturalmente qualcosa di incomprensibile: come possono convivere un parco marino, una riserva marina in cui in alcune zone è addirittura vietato balneare, con delle trivellazioni petrolifere? Come può essere positivo l’impatto ambientale di tale operazione in prossimità di un parco marino?

Da tale contraddizione credo sia nato l’interesse delle popolazioni locali e limitrofe, oltre che delle varie istituzioni sul territorio forti ed unite nel diniego di tale istanza. Associazioni di difesa del mare, Parco del Gargano, Regione Puglia, tutti contrari ed uniti per le Isole Tremiti.

Per noi Tremitesi che spesso ci lamentiamo dell’abbandono delle istituzioni questa è una gran sorpresa, e ci si rende conto di come la Puglia ci tenga a tali gioielli naturali, e di come probabilmente ci abbia sempre tenuto. Inoltre anche le Tremiti, come tutta la costa pugliese, hanno un’innata vocazione turistica e vivono anche di pesca, altra attività diffusa in Puglia, che sarebbe danneggiata dalle trivellazioni ed anche dalle semplici prospezioni.

Questa volta lo scherzetto ce lo ha giocato però la Regione Molise.

Infatti quest’istanza, la d 505 br-el,  ricade nel territorio di mare molisano ed il Molise avrebbe potuto esprimere almeno un parere negativo, o presentare osservazioni sull’incompatibilità dell’operazione. La regione Puglia non può esprimere pareri vincolanti al riguardo, se non attuare manovre diversive.

Solo un anno fa, la stessa multinazionale, la Petroceltic presento un’altra istanza per ricerche, la d 498 br-el, questa comprendeva una zona a poche miglia dalla riserva marina ed era  nel territorio della Puglia.

La mostruosità in questo caso era ancora maggiore, e forte fu la reazione del territorio.

Anche in quella occasione le varie istituzioni pugliesi si mobilitarono, i sindaci, la provincia, vari parlamentari pugliesi e la regione si  schierarono apertamente contro il nullaosta del ministero riunendosi in un consiglio straordinario alle Tremiti.

Noi giovani delle isole organizzammo una manifestazione popolare , in collaborazione con il gruppo di Antonio Fasciano di Termoli, da sempre in prima linea contro le scelte scellerate in materia di politiche energetiche. Vi fu un gran frastuono di radio, tv e giornali, noi in quella occasione ci spiaggiammo anche, come  poveri capodogli rintronati da colpi di air-gun . Venimmo anche ripresi da alcune televisioni locali.

A quel punto, verso le 12 e30, alla fine di quel consiglio provinciale arrivò la telefonata che tutti aspettavamo, era il ministro Prestigiacomo, che ci annunciava che non sarebbero state fatte ricerche petrolifere alle Isole Tremiti.

Applauso generale e sospiro di sollievo, strette di mano e felicitazioni, addirittura il presidente della Provincia Pepe, venne da noi giovani a rassicurarci.

In effetti la Prestigiacomo bloccò l’istanza d 498 br-el, e dopo pochi mesi fece anche una legge, il D.lgs.128/10 , dove stabiliva dei limiti di distanza delle riserve marine, 12 miglia marine, e 5 miglia marine per la terraferma.

La Petroceltic non si perse d’animo però, fatta una riperimetrazione delle zone eccola ripartire all’attacco con delle nuove istanze di ricerca, perché sono più di una, ed interessano quasi tutto il mare abruzzese e molisano.

d 505 B.R-.EL

d 505 B.R-.EL

E’ l’istanza sotto accusa. La zona dove vorrebbero ricercare petrolio è a 26 km circa dalle Isole Tremiti, in un’area di circa 730 km2, la ditta richiedente è la Petroceltic Elsa, i documenti sono stati presentati alla regione Molise il 16/03/2010.

d 507 B.R-. EL

d 507 B.R-. EL

è a circa 90 km dalle Tremiti. Qui dovrebbero preoccuparsi più i cugini abruzzesi, in quanto è a soli 10 km dalla costa da Pescara a Casalbordino passando per Ortona. Da notare come si siano attenuti al decreto legislativo della prestigiacomo e siano rimasti a 5 miglia dalla costa, non un centimetro di più. La ditta richiedente è la Petroceltic Italia.

d 492 B.R-.EL

d 492 B.R-.EL

richiesta dalla Petroceltic, vicina alla d507,  a circa 5 miglia (centimetro più centimetro meno) da punta Penna a Vasto, a circa 80 km dalle Tremiti.

d 493 B.R-.EL

d 493 B.R-.EL

320 km2 di area, i cui punti più vicini distano 40 km circa dalle Tremiti ed una ventina di km da Vasto.

d 494 B.R-.EL

d 494 B.R-.EL

Questa a mio parere è la più simpatica. Dalla foto si evince con quale scrupolosità sia stata riperimetrata tale istanza. Mantiene lungo tutta la sua area una distanza di 12 miglia dalle Isole Tremiti (mantenendosi nei limiti ministeriali) e forma una specie di arco a Nord Ovest. Sembra quasi che voglia dirci: “Da qui non scapperete”.


Vi sono altre istanze che sono state rigettate, ma che sicuramente verranno riperimetrate in seguito al D.lgs.128/10, che interessano i mari antistanti le città di Vasto, Pescara e Silvi Marina.

E’ da ricordare inoltre che la costa di Vasto già ospita le piattaforme di trivellazione petrolifera più vicine alle Isole Tremiti, le piattaforme Rospo mare, a circa 60 km dalle Isole Tremiti. Cosa avrà fatto di male Vasto, per meritarsi tutto questo petrolio di pessima qualità?

Secondo le ricerche di scienziati indipendenti, la distanza minima di 12 miglia di una piattaforma petrolifera da una riserva marina può bastare per non avere impatti ambientali considerevoli, ma 5 miglia dalla costa? Basterebbero a non avere impatto sul territorio?

Inoltre nella peggiore ipotesi,fortunatamente improbabile, di un disastro petrolifero simile a quello della Louisiana, le Isole Tremiti dato il suo piccolo perimetro sarebbero relativamente facili da difendere con barriere anti-petrolio, a differenza di tutta la costa adriatica che sarebbe ancora maggiormente in pericolo.

Ciò lo scrivo non per sottovalutare il pericolo relativo alle nostre isole, ma per renderci conto che il problema non è unicamente delle Tremiti.

Una via giusta da seguire è quella proposta da alcuni parlamentari europei, che consta nel blocco di tutte le nuove istanze di ricerca petrolifera in tutto l’adriatico, già flagellato da migliaia di pozzi e centinaia di piattaforme.

Altro provvedimento importante è quello proposto ieri dal commissario del Parco del Gargano che riguarda l’allargamento della riserva marina delle Tremiti a 24 miglia. Tale provvedimento porterebbe di fatto ad uno scudo contro le trivellazioni, che funzionerebbe di fatto anche per il Gargano e per Termoli (a 24 miglia dalle Tremiti).

Rimedio più importante sarebbe il ricorso amministrativo delle regioni Molise ed Abruzzo e dei comuni limitrofi alle ricerche, come fecero in passato la Regione Puglia ed i comuni di Fasano ed Ostuni.

   
  Condividi
   
 
   
  leggi gli altri articoli
  torna alla home
   
   
   
   
 
 
Suggerimenti
 
Cucina tipica tremitese, pesce locale pescato dal proprio peschereccio, offerte per gruppi e comitive.....
 
Gli specialisti dello spostamento marino alle isole Tremiti. Noleggio gommoni, servizio acqua taxi, assistenza a barche da diporto.
 
 
 

Torna alla home-page

 
Associazione le cinque isole ---- Pubblicità ---- Archivio giornale ---- contattaci
 
www.lecinqueisole.it è il sito dell'associazione culturale "Le cinque isole"
 

Tutte i disegni sono dell'artista Nicola Di Pardo

© 2007 www.lecinqueisole.it - tutti i diritti sono riservati
 
associazione culturale con sede alle Isole Tremiti